via Valeria Moriconi

sotto la targa via valeria moriconi
Cerimonia di inaugurazione Via Valeria Moriconi, Roma
giovedì 14 dicembre 2017
da sinistra Aldo Angelucci, Valeria Paniccia, Massimo De Rossi, Eduardo Siravo, Adriana Oliveri, Oreste De Fornari, Vincenzo Bocciarelli
Mariano Rigillo, Augusto Fornari, Anna Teresa Rossini, Toni Fornari, Massimo Palazzini.



invito via valeria moriconi


Roma è la mia città. Talvolta posso odiarla, soprattutto da quando è diventata l'enorme garage del ceto medio d'Italia. Ma Roma è inconoscibile, si rivela col tempo e non del tutto. Ha un'estrema riserva di mistero e ancora qualche oasi.

Sono le parole di Enno Flaiano che si addicono a questa bella via che il Comune di Roma ha deciso di dedicare alla nostra amata attrice Valeria Moriconi.

operai sistemano la bandera di Roma


Un'oasi di verde, con poche case, lontana da quel garage e lontana dal caos del centro, una strada poco frequentata, piena di alberi, pini domestici, agavi americane, cactus. Quel tocco di esotico che ben si addice alla Moriconi la quale diceva di avere una faccia euroasiatica.
Non dimentichiamo la sua passione per il centro storico e la vista sui tetti della vecchia Roma. Tutti noi amici e i colleghi qui radunati la sua casa a via del Pellegrino al settimo piano, con 87 gradini, ma non dimentichiamoci che la sua prima dimora a Roma con il marito Aldo Moriconi era sulla Nomentana, non lontana da qui.
Dedicare questa via a Valeria Moriconi sulla Bufalotta ha dunque un senso. E' un cerchio che si chiude.

la targa coperta dalla bandiera


Valeria Moriconi giunse a Roma per iniziare la sua avventura il 20 settembre 1952. Era un sabato e arrivò da Jesi in macchina insieme al marito e a un'amico Corrado Olmi. Durante quel viaggio accadde un imprevisto: una valigia caricata sul portabagli sopra l'automobile si apri e uscì un lembo di un vestito da sera che sventolò per tutto il viaggio. Fu la loro bandiera di buon augurio, fra gli sguardi stupiti dei passanti e delle altre automobili.

il vicesindaco luca bergamo e valeria paniccia

Valeria Moriconi confessò che non aveva la minima idea di come sarebbe stato possbile entrare nel mondo del cinema.
Venire dalla provincia marchigiana, da Jesi a Roma per fare il cinema, diceva, era come traversare l'Atlantico ai tempi di Colombo.

luca bergamo, vincenzo bocciarelli, mariano rigillo, valeria paniccia

Della Roma di quegli anni, Valeria Moriconi aborriva i cocktail e la mondanità del cinema e invece era ben inserita nei salotti dell'intellighentija romana, genuina, come per esempio il Mondo di Pannunzio, Flaiano, Ercole Patti, Mafai, Vespignani. E poi era ben inserita in casa Bellonci, dove gli artisti e gli intellettuali avevano voglia di incontrarsi. "Ho amato questa città nei momneti più belli e gloriosi: è una città incantata e incantevole".

il vicensindaco luca bergamo
il vicesindaco di Roma Luca Bergamo,Valeria Paniccia, Augusto Fornari

Con il cinema chiude presto. Piccole particine accanto ai grandi come Totò, Fabrizi, Nino Manfredi, Franco Interlenghi, Gilberto Govi, Walter Chiari, Tiberio Mitri, Claudio Villa e anche con il mitico attore francese Gérard Philipe. La Moriconi si dichiara sconfitta ma per fortuna arriva la chiamata di Eduardo de Filippo:
"A piccirilla va bbuono", le disse dopo un provino. La svolta fondamentale. La sua seconda nascita, come la chiamerà lei, al teatro dei Servi,
26 aprile 1957 con un ruolo da prima attrice nella commedia "De Pretore Vincenzo" di Eduardo De Filippo e prima ancora una particina accanto al grande attore, regista e drammaturgo napoletano Ne Il medico dei pazzi al Teatro Eliseo. Poi arriverà Visconti, poi Franco Enriquez con il quale fonda una compagnia e un sodalizio.

anna teresa rossini
Il vicesindaco Luca Bergamo e Anna Teresa Rossini

Poi alla fine degli anni 90 dirà che Roma non le piace più come un tempo: il traffico, il rumore, quest'aria di supremo disordine e abbandono che inquina i luoghi e i cervelli, mi fa venir volgia di andarmene. Ma sono certa che ora da lassù apprezza l'aria di qui questa via ed è felice.

bocciarelli

Ho esordito con le parole di Ennio Flaiano per tre motivi: erano non solo amici ma Valeria Moriconi oltre ad essere stata un'attrice che ha segnato la storia del Novecento è stata anche manager del teatro e ha diretto il Teatro Flaiano di Roma a via Santo Stefano del Cacco, nel 1990. Su quel palco aveva mosso i primi passi ed era felice quando divenne direttore. Non sarà l'unico teatro che Valeria Moriconi dirigerà nella sua carriera: ha fondato, unica donna, uno Stabile nelle Marche, e ha creato dal nulla il teatro Alle Cave di Sirolo, sogno condiviso con il regista Franco Enriquez che però era scomparso quando nei primi anni ottanta vide la luce questo immaginifico spazio dove recitarono Benigni, Grillo, Irene Papas, Albertazzi e Mariano Rigillo.

il vicesindaco luca bergamo e mariano rigillo
il vicesindaco Luca Bergamo e Mariano Rigillo

E poi perché via Valeria Moriconi si intreccia con via Alida Valli. Prima di lavorare insieme le due attrici avevano interpretato lo stesso ruolo, La venexiana: Alida Valli (con la regia di Giancarlo Cobelli) e Valeria Moriconi (con la regia di Maurizio Scaparro): la veneziana è Anzola, la donna matura che insegue la giovinezza legando a sé Julio, affronta l'amore con tutti i mezzi a disposizione in un gioco d' amore in cui trionfa l' amoralità. Ennio Flaiano, a proposito della VENEXIANA di Laura Adani parlò della Venexiana come di un' "Estasi Laica". Ed è una definizione che piaceva a Scaparro, piaceva molto alla Moriconi ma piace anche a noi. Fu proprio con quale ruolo che la Moriconi reciterà in americano con attori americani a San Francisco e Los Angeles. Nella storia del Teatro non era mai
accaduta una sfida simile.

Massimo De Rossi
Massimo De Rossi
Oreste De Fornari
Oreste De Fornari

Valeria Moriconi e Alida Valli reciterano insieme in Ekaterina Ivavnova ne 1983. Quindi che che queste due grandi attrici siano legate anche nella toponomastica di Roma ha un senso. Le due litigavano molto fuori e sulla scena.

via Alida Valli
Massimo De Rossi, Valeria Paniccia, Carlo Maria Causati, Edoardo Siravo

Pare, come racconta Massimo De Rossi che era nel cast, in una maniera a dir poco meravigliosa. Ora avranno tutto il tempo per essere amiche.

Toni fornari
Augusto Fornari

il vicesindaco luca bergamo
il Vicesindaco di Roma Luca Bergamo

il vicesindaco
il Vicesindaco di Roma Luca Bergamo

il vicesidnaco tira giù la cordicella

il momento della cordicella

Ricordatevi di me quando non ci sarò più disse Valeria Moriconi nell'ultima intervista in televisiva. Ricordatevi quando vi ho fatto ridere.
Valeria Paniccia (appunti per il discorso pronunciato durante la cerimonia di inaugurazione di via Valeria Moriconi, a Roma).

applausi per via valeria moriconi

via Valeria Moriconi


foto di Srdjia Mirkovic